Centro culturale della Legalità
home page chi siamo I nostri progetti I nostri sostenitori Eventi e News Rassegna Stampa Contattaci
 
 
I nostri progetti

Boom Boom

“Boom Boom è una guerra la vita / Boom Boom il modo più veloce per finirla è…perderla!”
.
Con questo slogan Mitch & Squalo lanciano il loro nuovo progetto, un progetto di prevenzione,
informazione ed educazione volto a contrastare le tossicodipendenze tra giovani e
giovanissimi
, e a promuovere il benessere e una sana attitudine alla vita. Accanto al duo “tutto esaurito”,
il ministro della Gioventù Giorgia Meloni e l’associazione Centro Studi Parlamento della Legalità,
che al grido di Boom Boom - e con la complicità dell’illustre Gaetano Morbioli che ha diretto il video –
hanno inaugurato una nuova stagione della “comunicazione sociale” rivolta ai ragazzi.
Perché è la prima volta che la prevenzione si diffonde sulle note di una canzone,
una hit che ascolteremo in tutto il Pease e per tutta l’estate in radio, in Tv, e perché no,
in occasione dei live di Mitch & Squalo. Poi, grazie al Parlamento della Legalità,
sarà la volta degli istituti secondari italiani, nei quali il messaggio di Boom Boom,
insieme a un nuovo video girato in una comunità terapeutica e a un fumetto dedicato
a questa importante iniziativa, arriverà a settembre conil contributo di
M.o.d.a.v.i. Onlus e Auxilia Onlus
.




SCARICA IL TESTO DELLA CANZONE
SCARICA IL PROGETTO

GUARDA L'INTERVISTA DI MITCH & SQUALO CON IL MINISTRO GIORGIA MELONI


Il brano “BOOM BOOM” è nato per rendere evidenti, attraverso la musica, gli effetti distruttivi della droga.
Dolce, frizzante e fresco, mette in luce il comportamento di chi cerca nella droga la soluzione
per superare i propri disagi, credendo ed immaginando che lo “sballo” sia la realtà
.
Analizzando il ritornello ci rendiamo conto che “Boom Boom” è una vera e propria denuncia
per far riflettere i giovani che la vita è dura e va affrontata e, come in guerra,
il coraggio e la voglia di vincere possono aiutare a rinunciare alla dipendenza di sostanze che,
alterando la realtà rendono “finta” la soluzione del problema
.

 
Progetto patrocinato da

© Copyright - Tutti ii diritti riservati-
Web Agency: Sleng